PROMO SPEDIZIONE: Consegna in Italia a soli 6,90€ | GRATIS sopra i € 99 | Ordine Minimo 29€

8 dolci festivi preferiti dai greci

  • Periodo natalizio

    • Vasilopita

    La vasilopita è il simbolo del nuovo anno ed è associato alla festa di San Basilio, da cui prende il nome. Dopo melomakarona e kourabiedes è il dolce che durante le feste chiunque in Grecia non vede l'ora di mangiare. La forma in cui viene cucinata la vasilopita varia. La torta viene principalmente preparata con farina, uova, zucchero e latte e una volta pronta sulla sua superficie viene scritto in numeri il nuovo anno. La vasilopita è tradizionalmente tagliata il giorno di Capodanno da parte del proprietario di casa che, tagliandola in fette tante quante sono gli ospiti, la distribuisce a ciascuno per il rito della moneta. È uno dei dolci preferiti di grandi e piccini ed è qualcosa che tutti si aspettano ogni volta che l'anno cambia. In questa deliziosa torta di solito si nasconde un portafortuna, conosciuto con il nome di “moneta". La tradizione vuole che chiunque la trovi nella propria fetta sarà fortunato per il resto dell'anno a venire.

    Ma come è nata l'usanza della vasilopita?

    San Basilio era vescovo di Cesarea e quando il prefetto della Cappadocia vi si recò per riscuotere le tasse, gli abitanti che desideravano toglierle chiesero la protezione del loro vescovo. Il santo riuscì a convincere il prefetto ad andarsene senza ottenere nulla. Il vescovo sapeva cosa apparteneva a ciascuno, venivano impastate piccole torte e in esse era posto un oggetto prezioso. La distribuzione avvenne e, miracolosamente, accadde a tutti di ricevere esattamente quello che avevano dato. Da allora e secondo la tradizione nella festa di San Basilio vengono prodotte torte con monete al loro interno. In questo modo, quindi, è nata l'usanza di vasilopita.

  • Non è tuttavia ufficialmente Natale in Grecia fino a quando le pasticcerie non iniziano a impilare montagne di melomakarona, kourabiedes e diples.

    • Melomakarona

    i melomakarona sono forse i dolci natalizi greci più amati e famosi in tutto il mondo! Etimologicamente hanno un'antica origine greca dalla parola greca "macaronia", che è una cena funebre a base di pasta, durante la quale si benedicevano i morti. La pasta a sua volta deriva dall'antica parola greca "makaria", che non era altro che la psychopita, cioè un pezzo di pane, a forma di melomakarona moderna. Oggi, con il nome che riporta il prefisso "melo" che significa essenzialmente "miele", questi biscotti impregnati di sciroppo di miele hanno perso tutte le sfumature di lutto e dolore e rivendicano giustamente il loro posto sulla tavola delle feste. Molti potrebbero sostenere che la melomakarona è un dolce con molte calorie! Forse non hanno provato i tradizionali kourabiedes greci.

    Un consiglio! Non dimenticate di provare il melomakarona al cioccolato! Lo adorerete. Come? Fate secondo la ricetta tradizionale la melomakarona e poi semplicemente sciogliete una o due tavolette di cioccolato da guarnizione a bagnomaria (a seconda della quantità) e coprite o immergete la melomakarona nel cioccolato!

    • Kourabiedes

    Kourabiedes (kourabies al singolare) sono biscotti al burro con mandorle, cosparsi di zucchero a velo che vengono tradizionalmente preparati durante le vacanze di Natale. In molte parti del paese vengono offerti agli ospiti subito dopo il battesimo o il matrimonio. Il loro nome deriva dal persiano Qurabiye, che significa biscotto, dolce a base di farina, burro e zucchero a velo. In greco kourabies significa letteralmente Kuru = secco, biye = biscotto. Al giorno d'oggi è un "biscotto secco" a cui sono state aggiunte mandorle, noci e abbondante zucchero a velo, ed è uno dei dolci natalizi preferiti.

    Ecco come puoi creare tu stesso i kourabiedes tradizionali greci.

    • Diples

    Le diples sono un dolce greco, il cui ingrediente principale è l'impasto sottile. Si dice che i diples provengano dal Peloponneso. È infatti un noto dolce tradizionale messiniano. L'impasto è piegato in varie forme, fritto in olio bollente e infine imbevuto di sciroppo. Tradizionalmente, il miele viene utilizzato al posto dello sciroppo e le diples sono aromatizzate con cannella, mentre viene aggiunta la noce finemente grattugiata. Le diple simboleggiano l'infanzia di Cristo e così come, nei melomakarona, il miele simboleggia il benessere e la prosperità che vogliamo che il nuovo anno ci porti. Sono serviti il giorno di Capodanno, ma anche a matrimoni, fidanzamenti e battesimi.

    • Frittelle o Spargana di Cristo

    L'usanza più importante dell'Epiro, che è anche menzionata nei canti locali, è la spargana (infanzia) di Cristo. Le spargana non sono altro che frittelle cotte senza olio su una pietra rovente! Le frittelle sono una deliziosa pasticceria locale, mielata con acqua zuccherata e cosparsa di noci e cannella. Vengono preparate principalmente alla vigilia di Natale, quando tutta la famiglia si riunisce vicino al camino acceso. I pancake, sottili come crepes, vengono coperti con un panno fino a che tutti sono cotti per preservarne il più possibile la morbidezza.

  • Tavola di Pasqua

    Nei giorni di Pasqua, è difficile trovare una casa senza soffici tsoureki e biscotti profumati. Anche se una ricetta differisce dall'altra, questi due dolci condividono una caratteristica comune, quella della loro forma a treccia e si dice che scacciano gli spiriti maligni.

    • Pasqua Tsoureki - Biscotti

    In Grecia, la brioche è il pane dolce che si prepara tutto l'anno ma soprattutto a Pasqua e Natale. Il nome fu probabilmente adottato dai greci durante l'occupazione turca e da allora iniziarono a fare la loro versione di un pane dolce fatto con latte, burro e uova. È anche chiamato Lambrokouloura o Lampropsomo, ma la parola tsoureki ha negli anni prevalso. La brioche è simbolica, perché simboleggia la rinascita della vita, la risurrezione di Cristo, come la farina "prende vita", "prende forma e vita" e si trasforma in pane.

    La forma della tsourekia pasquale varia a seconda delle tradizioni locali. La più famosa è ovviamente la treccia, con o senza uovo rosso incastonato nel suo mezzo. Si può gustare la tradizionale brioche in vari gusti. Le più popolari e preferite sono le brioche ripiene di cioccolato, con castagne ma molti sono amanti del politiko tsoureki, che ha un gusto speciale ugualmente gustoso e piacevole.

    Insieme alla preparazione degli tsoureki, molte casalinghe in tutta la Grecia impastano i biscotti in vari disegni. Biscotti all'uovo tradizionali e biscotti in vari gusti (puoi dare un sapore ancora più dolce aggiungendo pezzi di cioccolato). I biscotti - come la brioche - simboleggiano il pane della vita.

    Puoi anche provare il tradizionale tsoureki greco pronto da gustare.

  • Dolci di Quaresima

    Lagana insieme a Halva sono due prodotti che non possono mancare nella tavola quaresimale del Lunedì Pulito (Kathara Deutera). Il lunedì grasso è l'inizio di un periodo importante per la Chiesa ortodossa, la Quaresima, cioè la preparazione alla Pasqua unita al digiuno.

    Dolci di Quaresima
    • Lagana

    La Lagana è un pane fatto senza lievito, che simboleggia, secondo la tradizione, l'aiuto che Dio offrì agli Israeliti con il "pane azimo" e li condusse all'Esodo dall'Egitto.

    Il nome di "Kathara" deriva dall'abitudine che le casalinghe avevano la mattina di questo giorno, di lavare con acqua tiepida e cenere tutti gli utensili da cucina che poi venivano appesi fino alla fine del digiuno.

    La ricetta tradizionale della lagana è semplice, ha bisogno solo di farina, acqua, sale, erbe aromatiche e, naturalmente, un sacco di semi di sesamo bianco. Il tavolo del lunedì grasso è accompagnato principalmente da varie insalate tradizionali, come tzatziki, taramosalata, skordalia ecc. Anche l'accompagnamento preferito della Lagana non è altro che il halva.

    • Halva

    Tra gli alimenti che non possono mancare dalla tavola festiva del lunedì grasso c'è halva. La solita halva nella forma che si trova in tutti i Balcani e in Turchia è un dolce semplice. Viene consumato tutti i giorni dell'anno, tuttavia è soprattutto consumato il lunedì grasso per il semplice motivo che è un dolce da digiuno. La preparazione di Halva richiede la cottura della semola, che viene poi addolcita con miele o con sciroppo di "melassa" dal mosto d'uva. Non contiene ingredienti/alimenti che non sono ammessi durante il digiuno ed è per questo che rappresenta lo spuntino preferito per i giorni di Quaresima. Per i greci, halva è uno dei dolci di Quaresima e uno dei preferiti è la variante a base di tahini, chiamato Halva macedone. Halva macedone è ora disponibile ovunque e in molti gusti diversi: con cioccolato, con mandorle, ecc.

    Qui puoi trovare una grande varietà del tradizionale halva greco.

  • Kourabiedes, i deliziosi biscotti greci alle mandorle!

    Kourabiedes, i deliziosi biscotti greci alle mandorle!

  • Melomakarona, il dolce natalizio tradizionale in Grecia

    Melomakarona, il dolce natalizio tradizionale in Grecia

NEWSLETTER
Inviato con successo
Seguici!
Supporto & Contatti
Informazioni su Greek Flavours