Kourabiedes, i deliziosi biscotti greci alle mandorle!

I Kourabiedes sono dei piccoli biscotti greci alle mandorle e burro spolverati di zucchero a velo, un must have della cucina greca nel periodo natalizio. Questo dolce festivo è diventato sinonimo - insieme a melomakarona e diples - della tavola di Natale. È il biscotto perfetto, facile da fare, ha un ottimo sapore e lo zucchero lo fa sembrare "nevoso". È il regalo fatto in casa perfetto da regalare o condividere!

  • Χρόνος Προετοιμασίας

    Tempo di Preparazione

    00:40

  • Χρόνος Μαγειρέματος

    Tempo di Cottura

    00:25

  • Μερίδες

    Porzioni

    45-50

  • Κουζίνα

    Cucina

    Greca

Ingredienti

  • 500 g di burro, a temperatura ambiente
  • 220 g di zucchero a velo
  • 1/2 cucchiaino di vaniglia in polvere
  • 1 cucchiaino di acqua di fiori
  • 30 g di liquore alle mandorle amare, oppure cognac o rum
  • 200-280 g di mandorle pelate, tritate grossolanamente, non salate e tostate
  • 900 g di farina (per tutti gli usi o di grano tenero)
  • 1 pizzico di sale

 

Per la composizione:

  • 1 cucchiaio di acqua di rose
  • 300 g di zucchero a velo

 

    Cosa sono i kourabiedes?

    I kourabiedes (kourabies al singolare) sono biscotti greci dorati alle mandorle. Sono ricoperti di zucchero a velo e tradizionalmente preparati per le feste di Natale. Le famiglie di solito li preparano una settimana prima di Natale, intorno al 19 dicembre. Secondo la tradizione greca, in molte parti del paese, vengono offerti agli ospiti subito dopo il battesimo o il matrimonio.

    Il loro nome deriva dal persiano Qurabiye, che significa biscotto, pasta a base di farina, burro e zucchero a velo. Nel 1924, i rifugiati dell'Asia Minore provenienti da Karvali in Cappadocia, si trasferirono nella prefettura di Kavala e chiamarono la loro nuova area Nea Karvali. È stato grazie a loro che abbiamo scoperto la ricetta tradizionale dei kourabiedes dell'Asia Minore. Così, oggi in Grecia i kourabiedes tradizionali più famosi sono quelli di Nea Karvali.

    Verso la metà di novembre o anche prima, tutte le panetterie e le pasticcerie iniziano a emanare il profumo del burro e delle mandorle tostate, due dei quattro ingredienti principali della kourabie.

    Il segreto del successo dei kourabiedes sta negli ingredienti che usi e soprattutto nella miscela di burro! Il burro è la chiave del successo e deve essere di qualità eccezionale. Vediamo come realizzare da soli questi deliziosi biscotti!

     

    Biscotti greci: la ricetta in semplici passaggi



    1. Preparare il forno preriscaldato a 180°C. Mettere della carta da forno su una teglia e disporvi sopra le mandorle in modo che non si accatastino. Infornatele per 10-15' fino a doratura. Fatele raffreddare completamente.
    2. Sbattere il burro e lo zucchero a velo in una ciotola capiente. Dovreste montarle ad alta velocità per circa 15-20 minuti fino a quando vedrete il composto diventare spumoso.
    3. Fermate la planetaria e aggiungete la vaniglia in polvere, l'acqua di rose, il liquore di mandorle amare e mescolate ancora per qualche secondo.
    4. Per la base di mandorle, pestare le mandorle tostate e unirle alla farina con il sale.
    5. Aggiungere gradualmente la farina setacciata, le mandorle e il sale al composto. Amalgamare bene gli ingredienti con una spatola, molto delicatamente in modo che il suo volume non diminuisca. Una volta resi omogenei gli ingredienti, impastare con le mani fino ad ottenere la giusta consistenza. Non impastare troppo il composto perché c'è il rischio che i kourabiedes diventino duri.
    6. Su una teglia ricoperta di carta da forno, formare dei piccoli tortini di forma mezzaluna, di +/- 30 g (oppure utilizzare un tagliabiscotti). Premere leggermente al centro con il dito per una cottura uniforme.
    7. Infornare a 180°C per 20-25 minuti.
    8.  Quando saranno cotti e ancora caldi, bagnateli con acqua di rose.
    9. Fate raffreddare un po' i kourabiedes e poi spolverateli abbondantemente con zucchero a velo prima di servire!
    10. Disponeteli su un bel piatto e buon appetito!

     


    Kourabiedes: suggerimenti!

    TIPS

    Poiché contengono molto burro, sono molto morbidi una volta sfornati. Fate attenzione durante la cottura perché si induriranno e somiglieranno molto a un biscotto!

    Se non hai la planetaria, metti tutti gli ingredienti in una ciotola con 1 cucchiaio di lievito e sbattili fino a quando il composto diventa liscio.

    Per conservare i kourabiedes, coprili con un involucro di plastica a temperatura ambiente. Potete conservarli in freezer per 3 mesi. Fateli scongelare a temperatura ambiente e prima di servirli aggiungete lo zucchero a velo.

    Puoi decorare i kourabiedes con i chiodi di garofano e aggiungere anche un sapore diverso a loro.

    Torna al blog

    • Greek Yogurt: a world famous Greek product

      Yogurt Greco: Il migliore alleato della colazio...

      Chiunque sia stato in Grecia per una vacanza o per un viaggio di lavoro ha sicuramente avuto la possibilità di assaggiare il vero yogurt tradizionale, cremoso e saporito come solo nel...

      Reading time 6 min

      Yogurt Greco: Il migliore alleato della colazio...

      Chiunque sia stato in Grecia per una vacanza o per...

      Reading time 6 min
    • Raki: The national drink of Crete

      Raki: the national bevanda of Creta

       Il raki cretese, originariamente chiamato tsikoudia, è nella produzione e nel gusto equiparabile allo tsipouro, l'acquavite di vinaccia conosciuta in tutta la Grecia. Il raki è la bevanda servita a...

      Reading time 4 min

      Raki: the national bevanda of Creta

       Il raki cretese, originariamente chiamato tsikoudia, è nella produzione e...

      Reading time 4 min
    • The timeless value of Greek wines

      Il valore senza tempo dei vini greci

      Le origini della vinificazione in Grecia risalgono a oltre 6.500 anni fa. Esistono prove datate che suggeriscono come la produzione greca annoveri addirittura il secondo vino più antico conosciuto al mondo e...

      Reading time 5 min

      Il valore senza tempo dei vini greci

      Le origini della vinificazione in Grecia risalgono a oltre 6.500 anni fa....

      Reading time 5 min
    1 su 3

    Post di blog correlati